CittàEuropaCosa vedere ad Atene in tre giorni

Atene è l’antichità circondata e custodita dalla modernità, l’eleganza classica cinta dalla confusione dello stile popolare, quasi indecente, dei quartieri che circondano il centro della città. Atene è una metropoli, una distesa di edifici bianchi che si perde a vista d’occhio, ma che alla luce del tramonto si trasforma in un prato di petali rosa. Atene è uno scompiglio di giorno, una città romantica e delicata di sera e una instancabile compagna di festa di notte. 

Guida di Atene

1. Atene, tra splendore e declino
2. Visitare Atene, una breve guida
3. I luoghi più belli da vedere ad Atene
4. Come arrivare dall’aeroporto di Atene in città

Visitare Atene, tra splendore e declino

I primi insediamenti preistorici si stabilirono attorno alla collina dell’Acropoli di Atene già nel 3000 a.C.. Ma fu nel 1230 a.C. che il Re di Atene, Teseo, unificò le varie tribù in un unico regno, il più grande e ricco della Grecia continentale. L’esclusione dalla vita politica di una larga fetta della popolazione intensificò lo scontento sociale, al quale la nobiltà rispose con un severissimo codice di diritto (scritto da Draco, da cui il termine “draconiano”). Questo scatenò una vera e propria rivolta sociale che condusse infine alla nascita della democrazia ateniese, sotto la guida di Clistene.

Durante il Medioevo, la città di Atene visse un profondo declino, ma riemerse durante il periodo bizantino, quando diventò un importante centro delle rotte commerciali verso l’Italia. Questo periodo di nuovo splendore durò poco. La città cadde nuovamente in disgrazia sotto il dominio ottomano, per rinascere solo nel diciannovesimo secolo.

atene, Grecia, cosa vedere ad Atene, guida di viaggio
La metropoli di Atene

Atene era poco più di un piccolo villaggio di provincia quando, negli anni ’30 dell’Ottocento fu scelta come capitale dello stato greco moderno, che aveva ottenuto la sua indipendenza. Nonostante il suo passato prestigioso, il ruolo politico, economico e culturale della città avevano subito un declino totale negli anni precedenti. Rimanevano solo le rovine antiche a testimonianza del suo antico splendore.

La città attraversò un nuovo periodo di sviluppo e di cambiamento alla fine dell’Ottocento, grazie a un nuovo piano di ammodernamento che vide nascere nuovi quartieri ed edifici pubblici, piazze, parchi e larghi viali nello stile neoclassico. Già all’inizio del Novecento, Atene era tornata ad essere una città cosmopolita.

Visitare Atene, una breve guida di viaggio

Monumenti iconici, musei all’avanguardia, caffè vivaci e movimentati, squisiti ristoranti e frenetiche discoteche notturne. Atene, come la Grecia, vive il pesante pregiudizio di una città in crisi, ma basta immergersi nelle sue strade e tra i suoi locali per scoprire una vivacità culturale e sociale degna di una capitale così antica. Sono tante le ragioni per visitare Atene.

atene, acropoli, cosa vedere ad Atene, acropoli di Atene, di notte
Vista dell’Acropoli di Atene al tramonto

Vista sull’acropoli

La magnifica Acropoli, visibile quasi da ogni punto della città, domina Atene dall’alto ed è il suo centro culturale, commerciale e turistico, come nell’antichità. Costruita nel quinto secolo avanti Cristo, l’Acropoli di Atene sembra quasi stare lì a ricordare l’antico patrimonio culturale e identitario della città, e le trasformazioni che ha subito nel corso dei suoi duemilaecinquecento anni di storia. Salendo su un tetto, un rooftop bar o una delle colline di Atene, si può avere un vista mozzafiato sull’Acropoli. Lo spettacolo che dà alle diverse ore del giorno, con le diverse sfumature di colore che la luce proietta sulle rocce e i templi dell’Acropoli, è un’esperienza unica.

 Epoche e culture diverse

Il patrimonio artistico e culturale di Atene non si esaurisce nella sua Acropoli, sebbene questa ne sia simbolo per eccellenza. I musei custodiscono una quantità immane di reperti dell’antichità classica, del periodo romano e delle epoche più recenti. Chiese bizantine millenarie spuntano qua e là tra gli edifici fatiscenti dei quartieri centrali, e le influenze del dominio ottomano si vedono nell’architettura e si assaporano nei cibi. Il centro cittadino ai piedi dell’Acropoli è, poi, una ode all’eleganza dell’architettura neoclassica.

Piazza Monastirakiu, Atene

La penisola dell’Attica

Intorno ad Atene, la penisola dell’Attica è una regione tutta da scoprire. Antichi scavi archeologici, come il Tempio di Poseidone, a Sounio, nella punta meridionale dell’isola, o le spiagge della storica città di Maratona. È possibile esplorare l’Attica in auto, o raggiungere i principali siti d’interesse con il trasporto pubblico.

I luoghi più belli da vedere ad Atene

Ecco allora una lista dei luoghi più belli da vedere ad Atene in tre giorni.

partenone, tempio, Atene, acropoli
Particolare del tempio Partenone, Atene

L’Acropoli di Atene e il Museo dell’Acropoli

L’Acropoli di Atene è uno dei più importanti e famosi siti archeologici del mondo occidentale. Il Partenone domina la città dall’alto ed è visibile da qualsiasi parte di Atene. Il marmo pentelico che dà il caratteristico colore bianco all’Acropoli si colora di sfumature calde, quasi dorate, al tramonto, mentre di notte appare illuminatissimo dalle luci artificiali.

Ai piedi dell’Acropoli, il Museo conserva gli originali di molti ornamenti e oggetti ritrovati nell’Acropoli e risalenti al quinto secolo avanti Cristo, ma anche ritrovamenti del periodo arcaico e del successivo periodo romano. Una grande vetrata permette di ammirare l’Acropoli mentre si visitano le esposizioni.

L’Antica agorà di Atene

Con lo stesso biglietto d’ingresso dell’Acropoli, possiamo visitare l’Antica agorà di Atene, ai suoi piedi, sul lato nord. Questo era il centro amministrativo, commerciale, politico e sociale della città. Qui Socrate dava le sue lezioni di filosofia.

Il tempio di Zeus Olimpio

Sul lato sud dell’Acropoli, il Tempio di Zeus Olimpio è il tempio più grande di tutta la Grecia. La sua costruzione fu iniziata nel sesto secolo avanti Cristo, prima dell’Acropoli, ma fu poi interrotta e abbandonata per mancanza di fondi. Il tempio fu finalmente completato dall’Imperatore Adriano più di settecento anni dopo.

L’arco di Adriano

L’Imperatore Adriano si era innamorato della città di Atene e, nonostante avesse fatto trasferire a Roma buona parte delle opere d’arte ateniesi, si prodigò per abbellire la città. L’Arco di Adriano fu costruito in suo onore proprio di fronte al Tempio di Zeus  Olimpico, probabilmente in occasione della consacrazione di quest’ultimo.

Lo Stadio Panathanaiko

Costruito nel quarto secolo avanti Cristo, lo Stadio Panathanaiko ospitava i giochi panatenaici, in onore della dea Atena, protettrice della capitale greca. Subì varie ricostruzioni e ampliamenti nel corso del tempo. Nel 1895 fu restaurato per ospitare – l’anno seguente – i Giochi della I Olimipiade.

Il Museo archeologico nazionale

Il Museo archeologico nazionale di Atene ospita la più grande collezione di ritrovamenti della Grecia antica. Un tesoro inestimabile che offre al visitatore una prospettiva sulla storia ellenica dal neolitico al periodo classico – sculture, vasellame, gioielli, affreschi e manufatti provenienti da ogni parte della Grecia. La incredibile collezione va visitata lentamente, prendendosi il tempo di esplorare a fondo le varie sezioni tematiche. L’edificio, in sé, con i suoi ottomila metri quadri, è un’opera tarde dello stile neoclassico del diciannovesimo secolo.

Si può raggiungere il Museo archeologico nazionale di Atene in metro – si trova a pochi passi dalla stazione della metropolitana Viktoria, o a piedi, con una lunga passeggiata attraverso i quartieri centrali di Atene.

Il museo bizantino e cristiano

Questo museo, che sorge sui resti dell’antica Villa Ilissia, un’oasi urbana nel centro della città, custodisce una collezione di arte cristiana che va dal terzo al ventesimo secolo. Una serie di gallerie ospitano sezioni tematiche del periodo bizantino e post-bizantino: icone, affreschi, sculture, tessuti, manuscritti, paramenti e mosaici. I giardini della villa ospitano i resti dell’antico acquedotto di Peisistratos e le rovine della Scuola peripatetica di Aristotele.

Il museo Benaki

Questo museo privato contiene la vasta collezione che Antonis Benakis ha accumulato in 35 anni di collezionismo in Europa e Asia. Questa include ritrovamenti dell’Età del Bronzo a Micene e in Tessalia; ornamenti ecclesiastici dell’Asia minore; vasellame e manufatti in bronzo da Egitto e Mesopotamia, e una importante collezione di costumi tradizionali greci.

Il Parlamento e il cambio della guardia

Di fronte al palazzo del Parlamento, in Piazza Sintagma – probabilmente il centro culturale e sociale della città moderna di Atene, le guardie in abiti tradizionali della Tomba del Milite Ignoto si danno il cambio ogni ora. La domenica mattina, alle undici, un intero plotone marcia lungo la via Vasilissis Sofias fino alla tomba, accompagnato da una banda musicale.

Come arrivare ad Atene dall’aeroporto

Il nuovo Aeroporto internazionale Eleftherios Venizelos di Atene si trova a circa 27km a est della città ed è collegato con il centro di Atene dalla metropolitana, linea L3 (costo del biglietto: 10 euro). Dipendendo da cosa vuoi vedere ad Atene e dove si trova il tuo albergo, puoi raggiungere direttamente le stazioni centrali di Syntagma e Monastiraki, più vicina all’Acropoli. Parte un treno ogni mezz’ora, e la corsa impiega circa 40 minuti fino a Syntagma.

Chi vuole raggiungere l’aeroporto dal centro deve fare attenzione che non tutti i treni della linea metropolitana L3 compiono l’intero tragitto fino all’aeroporto. Una sola corsa ogni mezz’ora collega con l’aeroporto ed è segnalata dall’icona di un aereo nel tabellone degli orari e nella segnaletica del treno. Bisogna quindi pianificare con attenzione il viaggio il giorno prima, per arrivare all’aeroporto di Atene in orario.

L’autobus express X95 collega l’aeroporto di Atene con piazza Syntagma. Il biglietto costa 6 euro e può essere acquistato al chiosco delle informazioni o a bordo. L’autobus è operativo durante tutta la notte, a differenza della metropolitana e impiega poco più di un’ora a raggiungere il centro della città.

La tariffa di una corsa in taxi dall’aeroporto di Atene in città è fissata per legge a €38 durante il giorno e €54 durante la notte. Assicurati di chiedere se la tariffa fissa è comprensiva di pedaggi e tasse.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *