CittàEuropaCosa vedere a Praga in tre giorni

https://www.settecontinenti.com/wp-content/uploads/2019/01/pexels-jeshoots-126292-1280x853.jpg

Praga è una composizione pittoresca di ponti, cattedrali, torri dalle punte dorate e cupole che si specchiano da più di mille anni nelle acque del fiume Vltava, popolato da cigni bianchi. Uscito indenne dalla Seconda guerra mondiale e restato nascosto fino al 1989 – quando la rivoluzione di Velluto rovesciò il regime comunista, il centro storico di Praga è un meraviglioso intreccio di strette vie acciottolate, eleganti cortili cinti da mura, cattedrali e un’infinità di guglie che svettano sulla città, all’ombra del maestoso castello del nono secolo, che domina Praga dall’alto.

In questo video, un’anteprima dei luoghi più belli da vedere nella città di Praga, che potrai scoprire in dettaglio in questa guida di viaggio.

I luoghi più belli da vedere a Praga

Ecco una lista dei luoghi più belli da vedere a Praga in tre giorni.

ponte di praga

Il ponte di Carlo

Passeggiare lungo il ponte di Carlo è tra le attività preferite – non solo di chi visita Praga, ma anche di chi ci vive, nonostante le enormi folle di turisti che lo attraversano ogni giorno, fermandosi a scattare foto o a farsi ritrarre dai numerosi artisti. È consigliabile visitare il Ponte di Carlo al mattino presto, dopo l’alba, per ammirarne il fascino più indisturbati. Tra le statue gotiche che adornano il ponte, si aprono delle viste incredibili sul fiume Vltava e sul castello di Praga.

Il castello di Praga

Il castello di Praga è l’attrazione principale in città. Costruito su una collina della riva sinistra del Vltava, con le sue guglie e le sue torri, il castello domina Praga come in una fiaba. Il più grande al mondo tra i castelli antichi, è sempre stato la residenza dei monarchi e dei capi di stato croati. Al suo interno, una collezione di edifici storici, musei e gallerie con alcuni dei più grandi tesori artistici e culturali della Repubblica Ceca. Se si vuole visitare il castello di Praga all’interno, tenere in considerazione le lunghe code e la necessità di esibire un documento all’ingresso. All’esterno, i turisti si fermano a guardare la cerimonia del cambio della guardia.

centro storico di praga

La città vecchia

Tra le più grandi e belle d’Europa, la piazza della Città vecchia di Praga è stata il centro dello spazio pubblico della città fin dal decimo secolo e il suo mercato principale fino all’inizio del ventesimo secolo. Il Kinksy Palace, importante museo d’arte, occupa un lato della piazza. Al centro la statua del teologo Jan Hus, che guidò la Riforma boema, che precedette quella protestante. Sul lato sud della piazza, la torre del municipio e l’attrazione principale, l’Orologio astronomico, recentemente ristrutturato e riaperto al pubblico.

Il quartiere ebraico di Praga

Josefov, il vecchio quartiere ebraico di Praga, è un luogo interessante per le sue sinagoghe ben conservate. La Staronová synagoga è la più antica sinagoga ancora in funzione d’Europa. La Sinagoga spagnola è famosa per le sue facciate decorate nello stile moresco, d’influenza araba. Tra le attrazioni, anche il Vecchio cimitero ebraico di Praga, il più antico in Europa, e la casa di Kafka.

Il Museo ebraico di Praga, costruito nel 1906 per conservare i manufatti di sinagoghe distrutte durante il processo di rigenerazione urbana che colpì il quartiere di Josefov, diventò probabilmente la più grande collezione di manufatti sacri – paradossalmente – in seguito al piano dei Nazisti di creare al suo interno un “museo della razza estinta”.

La città nuova

Il quartiere nuovo di Praga fu costruito nel quattordicesimo secolo come un’estensione della città vecchia, ma è stato in gran parte ricostruito. La principale attrazione di quest’area è la Piazza di Venceslao, una lunga piazza commerciale con negozi, ristoranti e alberghi in stile art-nouveau. All’estremità della piazza opposta alla città vecchia c’è il Museo nazionale di Praga.

Il Gesù Bambino di Praga

Nella Chiesa della Vergine Maria Vittoriosa, nel quartiere di Mala Strana, si trova la famosa statua del Gesù Bambino di Praga, che, secondo la leggenda, avrebbe protetto la città dalla peste e dalla distruzione della Guerra dei Trent’anni. Nel corso dei secoli, il Bambino ha attratto pellegrini da Italia, Spagna e America latina, e ha ricevuto in dono una varietà di vestiti con ricami preziosi.

La cittadella di Vysehrad

Secondo la leggenda è su questa collina che fu costruita la città di Praga. Un antico capotribù vi costruì un castello nel settimo secolo, e sua figlia profetizzò che una grande città sarebbe sorta nella valle del fiume Vltava. Benché poche strutture rimangono a testimonianza delle antiche origini, passeggiare tra le rovine della cittadella di Vysehrad, che per secoli è stata la dimora dei re di Praga, è piacevole, soprattutto per le viste incantevoli sul fiume e sul castello di Praga.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *