AsiaCittàCosa vedere a Hong Kong in tre giorni

Non c’è nulla in Asia come l’iconica skyline di Hong Kong. La cucina cantonese è un caldo benvenuto in una delle città più dinamiche, frenetiche e cosmopolite del mondo. Ma, oltre i numerosi grattacieli e le vie dello shopping senza sosta, sono custoditi alcuni tesori della tradizione e della religione. Hong Kong è una porta d’ingresso sulla Cina e il luogo ideale dove assaporarne la cultura prima di immergervisi completamente.

In breveCosa vedere • Festival • Trasporti e costi

Hong Kong in breve

Una breve guida di viaggio a Hong Kong. Tutto quello che c’è da sapere sui quartieri, le isole, la cucina e le attrazioni culturali per pianificare il tuo prossimo viaggio nella metropoli asiatica per eccellenza.

Quartieri e isole

La città di Hong Kong è una festa, ed è facile passare da un quartiere affollato dello shopping, a una lounge chic e silenziosa con vista sulla città illuminata, a un tavolino stipato in un ristorante di cucina tradizionale, senza neppure accorgersene, trascinati dal ritmo indomabile di una megalopoli che non si ferma a nessuna ora del giorno e della notte.

Nonostante la grandiosità della scena urbana, quasi il 70% della superficie della città di Hong Kong è occupata da montagne e parchi naturali. Sembra impossibile, ma allontanandosi dal centro urbano è possibile fare trekking su isole disabitate, esplorare affascinanti villaggi e siti religiosi perduti fra le montagne e fare kayak lungo le coste delle sue isole vulcaniche.

Cucina

Hong Kong è una delle capitali mondiali della gastronomia. Si trovano qui alcuni dei migliori ristoranti della cucina cantonese, sichuana, coreana e giapponese, ma anche internazionale. Dallo street food ai ristoranti stellati, Hong Kong soddisfa i gusti di ogni palato. Dalla grande varietà di dim sum, i ravioli al vapore, ai wonton noodles – famosi quelli con i gamberoni, tanti sono i piatti ormai popolari in tutto il mondo, di cui qui si può apprezzare una versione originale, sorseggiando un cha chaan teng.

Cultura

Sarebbe sbagliato pensare a Hong Kong – e a qualunque altra metropoli asiatica – come a una città senza storia, ostaggio della modernità dei suoi grattacieli sfavillanti e dei centri commerciali senza fine. Hong Kong ha un ambiente culturale dinamico e un patrimonio storico che affonda le sue radici nella Cina imperiale, ma è arricchito delle varie tradizioni che vi sono affluite durante il periodo coloniale – e che l’hanno resa una città aperta, luogo di scambi e di mescolanze culturali. Dai riti delle festività tradizionali, ai templi buddisti e taoisti, alle espressioni moderne dei suoi artisti contemporanei, in musica e in immagini, Hong Kong è un’esplosione di folclore e di identità, una città all’avanguardia.

 

Cosa vedere a Hong Kong

Ecco allora una lista dei luoghi più belli da vedere a Hong Kong in tre giorni.

  1. Avenue of Stars e la Sinfonia di Luci

    Imitazione della Walk of Fame di Holliwood, la Avenue of Stars di Hong Kong celebra le icone del cinema locale del secolo scorso. La vera attrazione di questo lungomare è, tuttavia, la fantastica vista che si gode da qui – di giorno e di notte – del porto Victoria e del famoso skyline della città, sulla sponda opposta.

    Avenue of Stars è anche un ottimo posto in cui ammirare la Sinfonia di Luci, uno spettacolo di luci e laser che illumina, a tempo di musica, i grattacieli sulla riva opposta (verso le 20). Durante le festività, allo spettacolo di luci si aggiunge quello dei fuochi di artificio.

  2. Victoria Peak

    Dalla cima del Victoria Peak si ha la vista più bella della città di Hong Kong. Fin dai tempi della colonizzazione britannica è proprio sul Peak, la collina al centro della Hong Kong Island che i residenti più ricchi della città hanno costruito le proprie lussuosissime abitazioni. Ai cinesi non fu permesso di risiedere nell’isola fino a dopo la Seconda guerra mondiale. Ai piedi della collina è una distesa di grattacieli quasi incredibile a vedersi. Al tramonto, se il cielo è sereno e limpido, lo spettacolo delle luci della città che si riflettono sul mare è la cosa migliore che si può vedere a Honk Kong. Sul Peak c’è un centro commerciale e dei ristoranti.

    Si può raggiungere Victoria Peak a bordo della funiculare Peak Tram o in autobus dallo Star Ferry Pier. Scendendo a metà della corsa, si può raggiungere la cima a piedi.

  3. Temple Street Night Market

    Il Temple Street Night Market è il più grande e il più vivace dei mercati all’aperto di Hong Kong. Nei primi del Novecento, questo mercato serviva i visitatori del tempio Tin Hau, che dà il nome alla strada. Oggi, è la meta ideale per chi vuole comprare vestiti, orologi, scarpe – imitazioni a buon prezzo, o mangiare qualcosa di veloce. Indispensabile contrattare sui prezzi.

    Ma Temple Street non è solo una trappola per turisti. È anche uno dei quartieri più vivaci dal punto di vista culturale, dove si possono trovare rappresentazioni delle tradizioni e dei rituali più folcloristici di questo antico porto di scambio tra l’oriente e l’occidente. Lungo la strada parallela, la Woosung Street, si trova probabilmente il migliore streetfood di Hong Kong.

  4. I tram di Hong Kong

    I tram di Hong Kong sono un mezzo di trasporto lento, ma in qualche modo speciale, per visitare la città. In funzione dal 1904, quando Hong Kong era ancora sotto l’amministrazione britannica, sono gli unici tram a due piani in funzione al mondo. Un giro in tram è un modo perfetto ed economico per scoprire la vita quotidiana nelle principali strade di Hong Kong.

    Il tragitto consigliato è quello che collega Kennedy Town, la punta occidentale di Hong Kong Island, con Shau Kei Wan, nella parte orientale. Si ha così un’idea completa di questa parte di Hong Kong, dai quartieri più vecchi a quelli più nuovi, e delle culture, occidentale e orientale, che hanno plasmato l’isola.

  5. Lantau Island e la statua del Buddha

    Sulle colline dell’isola di Lantau svetta una enrome statua in bronzo del Buddha seduto, che si raggiunge dopo una lunga scalinata “sorvegliata” da decine di apsaras, gli angeli buddhisti. Il Buddha è seduto sul monastero di Po Lin, che si può visitare. In realtà la statua è solo uno dei tanti siti di interesse dell’isola di Lantau, che ospita un parco dei divertimenti Disneyland, delle belle spiagge, antiche fortezze e piccoli villaggi.

    Per lo più, Lantau è un grande parco, che ha visto poco dello sviluppo urbano della vicina Hong Kong Island. Il Lantau Trail è un sentiero che percorre in cerchio tutta l’isola per più di 70 km. Il tratto più interessante è quello da Mui Wo a Sunset peak (circa 9 km).

    Si può raggiungere l’isola in Metro fino alla stazione di Tung Chung, per poi prendere la funivia fino alla statua del Buddha. Una rete di autobus e traghetti collegano gli altri siti di interesse dell’isola.

  6. Sik Sik Yuen Temple

    Il Sik Sik Yuen Temple, dedicato alla leggendaria guida spirituale Wong Tai Sin, famoso per i suoi poteri curativi, è il tempio taoista più importante di Hong Kong ed è visitato da tre milioni di pellegrini e visitatori ogni anno, che si recano al tempio per chiedere lunga vita.

    La sala principale, con la statua del Wong Tai Sin, è quasi sempre chiusa, ma i pellegrini affollano il cortile antistante, bruciando le bacchette di incenso portafortuna. Alle spalle del tempio c’è un tradizionale giardino cinese, con laghetti pieni di pesci colorati e piccole cascate.

  7. Le corse dei cavalli

    Quelle per le corse dei cavalli sono le uniche scommesse legali a Hong Kong, e il giro d’affari intorno alla Happy Valley Racecourse (o pau ma dei) è multi-milionario. La stagione delle corse è da settembre a giugno, tutti i mercoledì sera. Per scoprire di più sulla storia delle corse di cavalli, uno sport iconico qui ad Hong Kong, si può visitare lo Hong Kong Racing Museum.

  8. Monastero dei Mille Buddha

    Sulla collina di Po Fook Hill, il Monastero dei Mille Buddha affaccia sul distretto di Sha Tin, una parte nuova a nord della città. Bisogna salire quattrocento gradini dal grande centro commerciale di Grand Central Plaza per raggiungere il monastero, che è adornato da tredicimila statue in nero e oro del Buddha, scolpito in ciascuna in una posa differente.

  9. Il villaggio di pescatori di Tai O

    Tai O è il più antico villaggio sull’isola di Lantau, ed è una giungla di piccole strade, santuari e templi. Un quartiere del villaggio è interamente costruito di palafitte coperte di lamiera e ospita più di duemila persone. Il modo migliore di visitare Tai O è esplorarlo a piedi, fermandosi nei piccoli templi – come quello di Kwan Ti e Hau Wong Miu.

    Si può raggiungere in autobus dalla stazione metro di Tung Chung, dove si arriva dalla Hong Kong Island.

Guida ai Festival di Hong Kong

Visitare Hong Kong: informazioni pratiche

Quando andare ad Hong Kong

Serve un visto per Hong Kong?

I migliori voli per Hong Kong dall’Europa

Quanto costa viaggiare a Hong Kong?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *